Ricette senesi – Le Frittelle di San Giuseppe

frittelle riso

Le Frittelle di San Giuseppe, una squisitezza a cui è difficile resistere. A Siena esiste una tradizione molto radicata e a partire dal mese di febbraio è possibile acquistarle in molti forni e pasticcerie. Molti anni fa era facile trovare delle bancarelle in Piazza del Campo o in qualche altra parte della città, oggi l’unico che porta avanti questa tradizione nel centro storico cittadino è Mario Savelli e la sua famiglia che, tenta con i suoi profumi irresistibili chiunque si trovi a passare da Piazza del Campo. Per la gioia di grandi e bambini, la famiglia Savelli prepara queste piccole e buonissime frittelle di San Giuseppe dalla mattina alla sera, con amore, passione e maestria. Che buone!!!

Anche noi possiamo prepararci le frittelle di San Giuseppe. Diciamo subito che questa è una preparazione impegnativa in termine di tempi, ma se seguirete attentamente la ricetta che vi proponiamo, il risultato finale sarà sicuramente ottimo.

Facciamo bollire per circa quindici minuti, due litri e mezzo di acqua contenente la scorza di un arancio e un cucchiaino di sale. Versiamo il riso e mescolando frequentemente per non farlo attaccare sul fondo, lo lasciamo cuocere, a fiamma bassa, per circa un’ora. Dopo la cottura lo lasciamo raffreddare completamente e, solo quando sarà ben freddo aggiungiamo, mescolando energicamente, la farina. Trasferiamo il tutto in un’ insalatiera di coccio, copriamo con un panno, meglio se di lana ma va bene anche di cotone, e collochiamo il composto nell’angolo più fresco della casa, lasciandolo riposare per quattro giorni. Passiamo ora alla frittura.

Riscaldiamo l’olio – di oliva o di arachide da agricoltura biologica – in una capiente padella di ferro e, quando avrà raggiunto la giusta temperatura, mettiamo a friggere delle piccole palline di riso ottenute aiutandosi con un cucchiaio. La manovra dovrà essere velocissima senza preoccuparsi se le frittelle andranno ad unirsi tra loro, non toccatele. Quando avranno raggiunto un bel colore biondo, le rigiriamo utilizzando uno scolafritto e completiamo la cottura facendo attenzione a non farle bruciacchiare.

Le togliamo dall’olio e, dopo averle disposte su uno strato di carta paglia gialla, le spolveriamo con lo zucchero semolato che avremo mescolato con quello a velo vanigliato. Per apprezzarne il delicato e inconfondibile gusto dovranno essere consumate ancora calde, accompagnandole con un Moscadello di Montalcino DOC, un vino estremamente intenso, complesso e fresco, già conosciuto nel 1400 e decantato da Francesco Redi nel suo Bacco in Toscana:

“…del leggiadretto, del si divino Moscadelletto di Montalcino…”. 

Ingredienti

500 gr. di riso originario

300 gr. di farina

La scorza di un arancio

100 gr di zucchero semolato

zucchero a velo vanigliato

sale

olio extravergine d’oliva o di semi di arachide biologico per friggere

Tags:

2 Responses to “Ricette senesi – Le Frittelle di San Giuseppe”

  1. stefano
    3 marzo 2016 at 13:02 #

    Interessante metodica. L’ho passata ad Angela perchè io non sono bravo. Ti faró sapere.
    A presto
    Strfano

Trackbacks/Pingbacks

  1. Le frittelle di Piazza del Campo - 19 marzo 2015

    […] marzo festa di San Giuseppe è la festa del papà e delle frittelle. Questa è la più antica, rinomata e deliziosa ricetta […]

Leave a Reply

Web Master Giuseppe Vella